AMERICAN FEDERAL HOLIDAYS

Versione italiana

You know what? Once in the US, I obviously thought we could take the chance to visit most part of America so that we made plans to see many places, mostly during the American federal holidays.

First of all we planned to go to the National Parks, California from San Francisco to San Diego, Great Lakes of North America and Niagara Falls. But so far we’ve been to New York City, Washington DC, Charleston (SC), Miami Beach and Atlanta. As you’ll see, American federal holidays are largely set on Monday or Friday, certainly to have long weekends. Very smart and as it seems like it makes sense! Not by chance we set our small family trips primarily during the major holidays.

Obviously, some American federal holidays are on specific days such as Christmas, New Year’s Eve, the 4th of July and Veterans Day. But let’s see which American federal holidays are and their meaning.

LABOUR DAY

First of all, let’s start with the Labour Day, the first among the American federal holidays we find according to the work calendar. It is always celebrated on the first Monday of September, that marks the unofficial conclusion of the Summer.

It definitely celebrates the American Worker Movement and all the people that worked to obtain laws about the 8 hours working day and, as a matter of fact, contributed to the growth of the country.

Seems like they chose the first Monday of September because of the warm weather and also because it’s halfway between the celebrations of the 4th of July and Thanksgiving Day.

That’s the schedule of the celebration: in the morning they usually set a parade to show the solidarity and the strength of the organized work. Later on it comes the picnic time in which the unions raise funds with the sale of tickets.

Labour Day VS May Day

Do you know why Americans do not celebrate the Labour Day on May 1st as in the rest of Europe? There is a very specific reason why, among American federal holidays, this is not celebrated on the same day.

In 1885 the American Federation of Labor meets to elaborate the proposal to shorten the working day to 8 hours. Finally it proposes a day for the entry into force of the resolution set for May 1st, 1886.

May 1st is inspired by an ancient European folk festival known as May Day, which afterwards became the International Workers’ Day.

That’s the reason why they thought about May 1st as an alternative to the celebration of the working day. During the negotiations, they allowed the right to a coordinated strike action for the approval of the request. So, at the end, the strike was scheduled for May 1st.

On May 4th, 1886, at Haymarket Square, Chicago, a peaceful demonstration takes place in support of workers on strike for the right to a short working day and as a reaction to the killing of some workers by the police the day before.

American federal holidays: Labour Day
Revolt scene at Haymarket Square, Chicago

Unfortunately, this demonstration ends in tragedy: a stranger throws a bomb at the police, killing a policeman as a consequence. In the chaos, many civilians and policemen die because of friendly fire.

In the debate to establish the date on which to celebrate the Labor Day, May 1st assumed, therefore, a negative connotation, due to its proximity to the “Haymarket Massacre”. Of course they did not want May 1st to become the commemoration of the “Haymarket Affair”.

Thus, in 1894, the United States officially adopted the September date as one of the American federal holidays to celebrate Labour Day.

COLUMBUS DAY

American federal holidays: Columbus Day
One of the caravels on which Columbus sailed – model

Between the American federal holidays, Columbus Day commemorates the anniversary of the discovery of America, when Christopher Columbus, navigator and explorer from the Republic of Genoa, landed in the New World on October 12th, 1492. It is celebrated in many Americans’ countries.

In the United States, Columbus Day falls on the second Monday of October.

That’s how it’s called in other Countries:

  • Costa Rica: Día de las Culturas
  • Bahamas: Discovery Day
  • Venezuela and Nicaragua: Día de la Resistenza Indígena 
  • Belize and Uruguay: Día de las Americas
  • Ecuador: Día de la Interculturalidad
  • Bolivia: Día de la Liberación, de la Identidad y de la Interculturalidad
  • Cile: Día del Encuentro de Dos Mundos
  • Argentina: Día del Respeto a la Diversidad Cultural
  • Honduras, Mexico: Día de la Raza (in Mexico it becomes Día de la Raza Iberoamericana)
  • Perù: Día de los Pueblos Originarios y del Diálogo Intercultural
  • Dominican Republic: Día de la Identidad y Diversidad Cultural or Día del Encuentro entre dos Culturas,
  • El Salvador, Spain: Día de la Hispanidad (in Spain it overlaps with the Holy celebration of Virgen del Pilar)
  • Italy: Giornata Nazionale di Cristoforo Colombo

The name Día de la Raza is not accepted by all South American countries, because “Raza” means only the Spanish race excluding, consequently, the natives, the Afro-Carribean and the mongrels. In fact, this celebration was aimed at celebrating Hispanic influence in Latin America.

As can be seen from the various names attributed by the Latin countries, this day is celebrated by indigenous activists from all over South America as a counterpart to the Columbus Day of North America, or as a celebration of native races and cultures and their resistance to the arrival of Europeans in the Americas.

VETERANS DAY

American federal holidays: Veterans Day
Fort George Wright Veterans Cemetery

Among the American federal holidays we find Veterans Day, that is celebrated every year on November 11th, it is a fixed date. It honors the military veterans who served the United States in the armed forces during the World War I.

Formally World War I ended on the 11th day of the 11th month at 11 o’clock in the year 1918, when the armistice with Germany became effective.

Initially the Americans celebrated the Armistice Day, which in 1954 was renamed Veterans Day.

THANKSGIVING DAY

Thanksgiving is celebrated on the fourth Thursday of November, and it’s clearly one of the most important American federal holidays. At first, it was conceived just as a day to give thanks for the blessing of the harvest received during the past year, yet it also took on another meaning.

But let’s take a look at the story behind this holiday, because it shows controversial implications, likewise Columbus Day.

On September 6, 1620, the Pilgrim Fathers (102 pioneers among men, women, and children) sailed from Plymouth, England, aboard the Mayflower. They were persecuted for having adhered to a strictly Calvinist Christianity, therefore they decided to leave.

American federal holidays: Thanksgiving Day
“Mayflower e porzh-mor Aberplymm” gant William Halsall, 1882

A FEW WORDS ABOUT CALVINISM

Calvinism, unlike Catholicism, supports the exclusively spiritual presence of Christ in the Eucharist and the regulating principle of worship.

The regulating principle of worship maintains that the worship that man addresses to God must follow only and exclusively what God himself prescribes in the Holy Scriptures. As a result, that’s what came out:

  • What does not command the Holy Scriptures is forbidden.
  • What is not prohibited by the Holy Scriptures is granted.

THE PILGRIM FATHERS AND THE NATIVES

As the Pilgrim Fathers landed on the shores of Massachusetts, winter was coming. The long journey was not an easy one, hence, many of them did not survive.

They planned to grow the same vegetables they used to eat back in England, therefore they brought with them those seeds to start new crops. Unfortunately, they found an inhospitable and wild territory, that happened to be inhabited by the Native Americans. As a consequence of the harsh climate, the harvest was not enough to feed the whole community and many of them, eventually, did not survive the winter.

Finally, the Native Americans came to their rescue, teaching to the Pilgrim Fathers what animals to breed (turkeys) and what products to grow (maize). In this way the new colony was able to survive and prosper, all thanks to the Native Americans, indeed.

American federal holidays: Thanksgiving Day
Products of the earth typical of America

Moreover, to give thanks to God for the abundance of the first harvest, the settlers made a feast to which they invited even the Native Americans, who actually had helped them.

Nevertheless, in June 1676, an official proclamation of Massachusetts called a day of celebration to thank God for the prosperity enjoyed by the community and to celebrate the victory against the pagan natives.

Precisely those same pagan natives who had made all this possible.

MEMORIAL DAY

Here is another celebration with a definitely patriotic character among the American federal holidays: Memorial Day or Decoration Day, that commemorates, indeed, all the people who died by serving America in the armed forces. It is celebrated on the last Monday of May and it sure marks the unofficial beginning of the summer holidays.

You must know that in the United States schools end in late May and start again at the end of August. Or at least so it happens here in North Carolina. Consequently, the school period slides a month behind Italy.

Many people go to the cemeteries to pay homage to their loved ones who have died in the war and some volunteers place an American flag on the graves of the military.

However, the practice of decorating the tombs with flowers and flag is an ancient custom that dates back to the period of the Civil War (fought between 1861 and 1865), also known as the American Civil War for the abolition of slavery.

American federal holidays: Memorial Day
William Tecumseh Sherman, General of the American Armed Forces during the Civil War

INDEPENDENCE DAY OR 4th OF JULY

Fianlly, here is the most patriotic of American federal holidays: Independence Day celebrates the adoption of the Declaration of Independence dated July 4th, 1776. With this act the 13 American colonies separated definitively from the government of Great Britain.

American federal holidays: Independence Day or 4th of July
Declaration of Independence

A BIT OF HISTORY

Actually, the detachment of the colonies took place on July 2nd, 1776. In fact, on that day the Congress voted for independence, therefore, the Declaration of Independence was drafted, mainly by Thomas Jefferson. On July 4th the document was finally approved.

The 4th of July festivities include parades during the morning, picnics and barbecues, baseball games, political speeches and fireworks in the evening.

CONCLUSIONS

Thanks to this post I have actually documented on American federal holidays and traditions to be able to tell you ^ _ ^

I’m glad I did, because I think it’s important to know the traditions of other countries, especially if it’s the country where you moved with your family. Each country has its own culture dictated by the history that has lived and has accordingly marked its path to date.

Anyhow, knowing other cultures opens our mind and allows us to understand a different people from our own; above all this is a process of personal enrichment and growth.

Do remember that diversity is a wealth that, therefore, must be embraced and accepted as such.

See you soon,

Arianna

MIO FIGLIO: UN BAMBINO EXPAT

Da subito abbiamo riconosciuto nel trasferimento in America una grande opportunità, soprattutto per Leonardo. In particolare per l’inglese. Crescere come bilingue gli sarà di grande utilità in futuro.

Come genitori eravamo preoccupati per l’impatto che questo radicale cambiamento avrebbe potuto avere su un bimbo di 3 anni e mezzo.

Tutti ci hanno sempre rassicurato sul fatto che i bambini sono sorprendenti per la loro incredibile capacità di adattamento. Tuttavia, la preoccupazione c’era ugualmente.

Questa foto è stata scattata dalla fotografa Pamela Lippolis quando Leonardo aveva due mesi… In tempi non sospetti aveva già a che fare con la valigia ^_^!

Leonardo in uno scatto della fotografa Pamela Lippolis

Leonardo è sempre stato un bimbo socievole e per la sua età era molto avanti con il linguaggio.

Dal canto nostro siamo sempre stati molto attenti nel parlare correttamente e lentamente affinché Leo percepisse il movimento labiale, a scandire bene le parole, ad usare sinonimi per arricchire il suo vocabolario.

A scuola: passiamo il filo tra i buchini

Leonardo ha sviluppato una grande proprietà di linguaggio e si esprime soprattutto a parole. Quindi, comprenderete la nostra preoccupazione nel portarlo in un paese di cui non conosceva affatto la lingua.

I primi giorni di scuola sono stati molto duri per lui. Tornava a casa dicendo che non ci voleva più andare perché non riusciva a capire quello che la maestra e i compagni gli dicevano. Si sentiva escluso e frustrato perché nessuno lo capiva.

La maestra era molto tranquilla in merito alla situazione. Ci era già passata con altri bambini e, consapevole delle risorse di cui dispongono i piccoli, era sicura che anche per Leo lo scoglio della lingua sarebbe stato superato in breve tempo.

Infatti, nel giro di due mesi, Leo ha cominciato a parlare e a capire l’inglese e da lì in poi è andata sempre meglio!

A scuola: i numeri!

Ha cominciato anche a sognare in inglese… lo sentivamo parlare nel sonno! È un chiacchierone pure quando dorme ^_^!

Adesso ci corregge la pronuncia perfino! Ovviamente, col tempo parlerà ancora meglio di noi e senza quell’inflessione italiana che caratterizza i suoi genitori!

L’altro giorno eravamo lui ed io al Target, una catena di supermercati, e cercavamo il reparto “party favors”, quello per acquistare i gadget da festa.

Ho chiesto ad una commessa di indicarmi il reparto, ma non riusciva a capirmi. Alla fine mi sono fatta capire in altro modo e finalmente lo abbiamo trovato.

Allora, ho pensato ad alta voce:

⁃ “Ma perché la commessa non mi ha capita. Che cosa ho detto?”

E Leo mi fa:

⁃ “Mamma, le hai chiesto dove erano i ‘party flavors’ non i ‘party favors’!

Insomma, avevo chiesto del reparto “gusti della festa”! LOL 😀

Questo per sottolineare quanto i bambini siano più pronti degli adulti ad apprendere una nuova lingua!

Inoltre, abbiamo avuto la fortuna che un collega italiano di Cristian con due figli, di cui il più grande ha la stessa età di Leo, si sia trasferito ad Hickory un anno e mezzo fa.

Almeno così i bambini non perderanno la pratica con la lingua italiana. E vi dirò di più! Essendo questo bimbo di Parma, Leo ha persino abbandonato la famosa “c” strascicata del romano sentendo parlare lui!

In casa parliamo in italiano. Abbiamo provato a parlare in inglese, ma Leo non ne vuole sapere:

“A casa e tra italiani si parla italiano, mamma!”

Se il fattore lingua era stato un ostacolo momentaneo, la nostalgia era ed è tuttora un’emozione con cui convivere.

Leonardo è molto attaccato alla sua casa italiana, ai nonni, al cuginetto e agli amichetti.

Il bagaglio emozionale costruito nei primi anni di vita è radicato e profondamente vivo in lui.

Qualche mese fa, quando lo mettevamo a letto la sera, piangeva sconsolato perché gli mancava l’Italia.

Il suo pianto era così consapevole e struggente che rimanevo disarmata. Mi piangeva il cuore a vederlo così, ma non potevo farmi vedere in lacrime da lui (me le sono asciugate di nascosto!)

Dovevo essere la sua forza e dargli quelle risposte rassicuranti che ci si aspettano dai genitori.

Eh! Facile a dirsi. Lì per lì mi è preso un attimo di panico genitoriale. Ero del tutto impreparata.

Come potevo essere all’altezza della situazione? Consolare mio figlio con parole credibili? Alla fine, quello che conta è stare loro vicino ed ascoltarli.

Abbiamo cominciato a riflettere sul fatto che la vita in America gli ha regalato tanti altri amichetti speciali.

Quindi, abbiamo “scoperto” che questa esperienza lo ha arricchito di altre persone cui è legato ed è contento di aver conosciuto.

La parte riguardo ai nuovi amichetti americani ha funzionato, tuttavia

“Con la nostalgia degli affetti italiani bisogna conviverci… Tutti!”

Aurora e Leonardo

Tuttora cerchiamo di alleviare la lontananza videochiamando spesso i nonni e gli amichetti italiani.

Una volta Leo ha trascorso un pomeriggio intero con la sua prediletta Aurora grazie a whatsapp.

Hanno giocato a distanza… Sono capaci anche di questo! Sono davvero sorprendenti e pieni di risorse, non credete anche voi?

A voi come è andata con i vostri figli dopo il trasferimento? Come avete affrontato le crisi dovute al cambiamento, dalla lingua alla nuova casa?

Scrivetemi della vostra esperienza, sarò lieta di raccogliere tutte le vostre testimonianze e pubblicarle.

Sarebbe un bel modo per confrontarsi ed essere di ispirazione e sostegno per altri genitori che si apprestano a vivere una situazione del genere o che la stanno vivendo.

Grazie per aver letto questo post, lasciate pure un commento, anche per dire ciao 🙂

Alla prossima,

Arianna

VITA DA EXPAT: DIVISI TRA DUE PAESI

Salve a tutti! Come ho già scritto nel post Chi sono”, molte delle persone che conosco hanno preso la decisione di trasferirsi in un altro paese conducendo, così, una vita da “expat”, ovvero espatriati.

L’idea di trasferirsi in un paese che consenta condizioni di vita più agiate è inebriante. Chi non desidera stare meglio? C’è un rovescio della medaglia? Ovviamente ci sono i pro e i contro.

Una cosa è certa: se il trasferimento da una parte dà, dall’altra toglie. La qualità della vita migliora, ma gli affetti restano in patria. Non si può avere tutto! Prendere la decisione di fare questo salto richiede coraggio e forza di spirito.

Veduta del centro storico di Roma

Per quanto riguarda noi il cambiamento è avvenuto in un momento delicato e difficile della nostra vita. Io avevo perso il lavoro e con un bambino piccolo era quasi impossibile trovare un altro impiego.

Infine, avevo trovato un lavoro part-time come grafica, ma ho dovuto abbandonarlo dopo pochi mesi. La retribuzione era bassa e in nero; il posto di lavoro era talmente distante dalla mia zona che un terzo della paga andava via in carburante per l’auto.

In più avevo rottamato la macchina per contenere le spese e quindi usavo quella di mia mamma, che tutte le mattine veniva da me per stare con Leonardo.

Il trasferimento finalizzato ad una qualità di vita migliore ci ha elettrizzato e l’occasione per attuarlo si è presentata proprio al momento giusto.

La novità era grande: la casa nuova, la cittadina tutta da scoprire, i negozi giganteschi. Inoltre, siamo arrivati negli Stati Uniti in estate, per cui Leo ed io trascorrevamo le giornate in piscina. Durante i fine settimana anche Cristian si godeva la piscina. Insomma, una vera e propria vacanza.

Poi abbiamo preso la patente, iscritto Leo a scuola, comprato le automobili e iniziato a pieno ritmo la nuova vita americana.

Ad Hickory tutto scorre molto più lentamente. Cristian torna a pranzo a casa. Ci impiega 10 minuti per andare/tornare dal lavoro, 15 se c’è traffico. Ritmi inimmaginabili a Roma.

Ricordo ancora le parole dell’amico Gianmarco che ci disse che i primi sei mesi all’estero sarebbero stati eccitanti per la novità, ma poi la nostalgia si sarebbe fatta sentire.

In America siamo rinati! A Natale siamo tornati per le vacanze in Italia. A Pasqua sono venuti a trovarci i genitori di Cristian, in estate siamo tornati di nuovo in Italia. Insomma, non abbiamo proprio avuto il tempo materiale per provare nostalgia.

L’abbiamo cominciata a sentire dopo un anno e mezzo. Nostalgia di amici, genitori, cibo, abitudini. Invece, le cose negative dell’Italia non ci mancano affatto! ^_^

C’è da dire che ad ogni rientro in patria si fa sempre più evidente la differenza tra Hickory e Roma. Anche l’America ha i suoi problemi, ma Roma, caput mundi, “bella bella in  modo assurdo” è diventata davvero invivibile!

Io che mi abbevero ad una fontana a Villa Borghese, Roma

Naturalmente, le grandi metropoli americane non sono tranquille come Hickory, che è una cittadina di provincia. Per quanto io dica che siamo finiti nel bel mezzo del nulla, la qualità della nostra vita è decisamente migliorata.

Il punto è che ogni rientro a Roma è sempre traumatico. Ogni volta speriamo in qualche miglioramento generale dell’Italia e della mentalità delle persone, ma le nostre aspettative vengono puntualmente deluse.

La gente è incattivita, frustrata, maleducata e lo dimostra ampiamente alla guida, durante le file presso gli uffici e nei negozi. Questo è uno dei motivi per cui la nostalgia si smorza e parecchio anche.

Vi confesso che, abituata ad Hickory e alla tranquillità dei suoi cittadini, mi sento un pesce fuor d’acqua quando rientro per le vacanze. Infatti, dopo un paio di giorni a Roma comincio a dare di matto. In media due giorni è il lasso di tempo che impiego a perdere la calma Hickorense.

Tuttavia, pur stando proprio bene in America, ci manca un pezzetto dell’Italia. La sensazione più strana in tutto questo andirivieni tra USA e Italia è quella di non appartenenza e alienazione. Ci capita di non sentirci a “casa” né qua, né là. 

Espatriare significa venire in contatto con una cultura diversa dalla propria e non è facile adattarsi né ai ritmi né alla mentalità di un popolo altro. Questo è uno dei motivi per cui spesso ci si sente “soli” e in qualche modo incompresi.

Cristian ed io abbiamo dovuto contare solo su noi stessi e sostenerci passo passo, perché non avevamo nessuno a cui appoggiarci in USA. Eravamo solamente noi due.

Grazie a quest’esperienza formativa non solo il nostro legame si è rafforzato, ma siamo maturati come individui. Ci siamo messi alla prova e siamo molto soddisfatti di come l’abbiamo affrontata. Comunque, conoscere altre culture, vivere altre realtà arricchisce e apre la mente.

A voi come è andata? Come vi siete adattati al nuovo stile di vita? Raccontatemi della vostra esperienza di expat. Scrivetemi all’indirizzo [email protected] oppure lasciate il vostro commento qui sotto.

Mi piacerebbe raccogliere le vostre testimonianze per esserci di supporto l’un l’altro e condividere sensazioni ed esperienze di vita in altri paesi.

Di seguito vi riporto la testimonianza di expat di Andrea, il fratello di un mio cugino acquisito trasferitosi in Portogallo:

Lisbona, centro storico, veduta dal porto

“Ciao mi chiamo Andrea e insieme a mia moglie Nidia circa 1 anno e mezzo fa, abbiamo deciso, dopo averci riflettuto a lungo, di trasferirci all estero, precisamente a Lisbona!

Ormai erano un po’ di anni che frequentavo il Portogallo, per via delle origini di mia moglie e visto che la situazione in Italia non era delle più rosee, pur avendo un lavoro io e un lavoro lei, abbiamo preso la decisione di cambiare vita drasticamente!

All’inizio era come se fossimo in vacanza e di difetti non ne vedevo tanti. Poi, andando avanti e conoscendo le abitudini del luogo ho incominciato a sentirmi diverso nei modi di pensare e di vivere la vita di tutti i giorni.

Abituato ai ritmi di Roma, qui la cosa più fastidiosa è la lentezza nel fare tutto, dall’andare a fare la spesa a guidare e a svolgere le varie cose di tutti i giorni. Ovviamente ci sono i pro e sono molti.

È una Nazione stupenda che si affaccia sull’oceano Atlantico, è un paese tranquillo. Il Portoghese se può aiutarti si fa in 4 per te. Il costo della vita è molto più basso che in Italia e c’è pochissima criminalità.

Il Paese è in un periodo di grande sviluppo e questa cosa si riflette molto sulla città, dall’apertura di nuovi locali a migliorie a livello urbanistico e questo ha fatto sì che la nostra scelta di expat fosse sempre più convinta!

Una cosa che ripeto sempre ad amici, che in Italia vivono momenti difficili a livello lavorativo o di altro genere, è di avere il coraggio di cambiare, anche trasferendosi in un’altro paese!

Noi l’abbiamo fatto e questa scelta è stata la migliore che potevamo prendere!

Andrea e Nidia hanno aperto il gruppo Facebook “Italiani in Portogallo” per fornire informazioni rilevanti sul paese e promuovere la condivisione di informazioni tra connazionali. Vi invito a visitarlo e a seguirlo, soprattutto per quelli di voi che hanno intenzione di trasferirsi in Portogallo.


Ho ricevuto una e-mail da Valeria, una mia ex collega che si è trasferita a Cipro nel 2012, sempre per motivi di lavoro. Ecco anche la sua preziosa testimonianza:

“Sono passati sei anni, ma la vita in Italia non ci manca, anche perché siamo vicini e ci torniamo spesso.
Vista da expat l’Italia ha un altro sapore, un gusto un po’ amaro di un Paese che ha tantissimo e che è stato, ahimè, smantellato nel corso degli ultimi 30/40 anni.
Cipro è un’isola tranquilla, ci sono mare e sole, poche tasse, tanti russi e poco più.
Qui basta poco per vivere tranquilli, che poi in realtà la tranquillità è mediamente ciò che una famiglia cerca.
Cipro, chiesa Cristiana
Mancano però altre cose e allora ti accorgi quale ricchezza abbiamo in Italia. Prima di tutto il cibo! La cucina buona come quella italiana non si trova da nessun’altra parte nel mondo.
Mi manca quella fantastica sensazione di poter entrare in un qualsiasi ristorante e chiedermi: chissà che menù hanno qui? Che cucineranno?
A Cipro la domanda non si pone perché ovunque vai troverai più o meno le stesse cose. La cucina cipriota ha i suoi piatti che si ripetono in ogni taverna.
Allora capisci che la creatività che hanno gli italiani in giro nel mondo non c’è.
È la stessa creatività che hanno nel design di moda, arredamento, auto e motori che all’estero tutti vogliono copiarci.
Noi italiani siamo mediamente più fantasiosi e abbiamo molta inventiva e questo si vede in ogni campo. Mi manca molto il teatro, il cinema e la tv di genere italiana.
In Italia è anche molto bello viaggiare, anche perché la linea ferroviaria ad alta velocità non si trova da nessun’altra parte.
In Europa c’è il TGV che è paragonabile al Freccia rossa ma fa tratte internazionali. Roma ‘caput mundi’, certo, e i paesaggi sono belli un po’ ovunque da Nord a Sud.
Quello che ho notato da expat e viaggiando molto è che noi italiani non apprezziamo il nostro Bel Paese e così facendo ci rendiamo forse un po’ colpevoli del suo declino.
Mi stupisce vedere come gli stranieri apprezzino molto il nostro paese, soprattutto per il Made in Italy che tutti ci copiano.”

Cari lettori, che dire? Mi sale un po’ di amarezza nel leggere delle esperienze di altri expat italiani, perché l’Italia è davvero un paese meraviglioso, che potrebbe vivere di solo turismo!
Purtroppo le cose stanno come sappiamo tutti noi italiani e questo è il motivo principale per cui tanti di noi hanno deciso di andare a vivere in paesi dove si sta meglio.
La speranza di una ripresa di questa “Povera Italia”, per citare Franco Battiato, non mi abbandona mai e chissà… Magari un giorno ce la faremo!
Se anche voi volete raccontare la vostra storia scrivetemi una e-mail a questo indirizzo: [email protected] oppure lasciate un commento qua sotto. Vi leggerò molto volentieri ^_^
 A presto,

Arianna

 

FESTE TRADIZIONALI AMERICANE

English version

Sapete una cosa? Appena sono arrivata negli USA ho pensato che sarebbe stata una grande occasione per visitare più America possibile. Abbiamo fatto molti piani per visitare tanti luoghi.

Tra le grandi mete che dobbiamo ancora raggiungere ci sono sicuramente i parchi nazionali, il tour della California da San Francisco a San Diego, il Nord America con i grandi laghi e le cascate del Niagara.

Per ora abbiamo fatto solo gite di qualche giorno a New York, Washington DC, Charleston (Carolina del Sud), Miami Beach (Florida) e Atlanta.

Sapete che gli americani fanno cadere le loro festività di venerdì o lunedì, così possono attaccarci il fine settimana? Molto astuto! Non a caso abbiamo svolto le nostre gite brevi durante le feste federali americane.

Ovviamente ci sono delle festività comandate come Natale, Capodanno, il 4 Luglio e la Giornata dei Veterani. Ma vediamo insieme quali sono le feste di questo paese e il loro significato.

LABOUR DAY (la festa del lavoro)

Il Labour Day cade sempre il primo lunedì di settembre. È anche nota come il fine settimana lungo della Festa del Lavoro, che segna la fine non ufficiale dell’estate.

In questa ricorrenza si onora il Movimento Operaio Americano e con esso tutta la forza lavoro che ha contribuito alle leggi sul lavoro, alla crescita e alla prosperità di questo paese.

New York, 8 maggio 1882. Peter J. McGuire, allora Vice Presidente della Federazione Americana del Lavoro, propone all’Unione Centrale del Lavoro di fissare una giornata di vacanza per la classe lavoratrice.

È stato scelto il primo lunedì di settembre in quanto data ottimale per via del clima e perché cade a metà strada tra la festività del 4 Luglio e il Ringraziamento.

Ad aprire la giornata una parata a dimostrazione della solidarietà e della forza del lavoro organizzato e a seguire un picnic in cui i sindacati raccolgono fondi con la vendita dei biglietti.

Labour Day VS Primo Maggio.

Nel 1885 la Federazione Americana del Lavoro si riunisce per elaborare la proposta di accorciare la giornata lavorativa a 8 ore. Il giorno proposto per l’entrata in vigore della delibera è fissato per il 1° maggio 1886.

La data del 1° maggio è ispirata da un’antica festa popolare europea conosciuta come May Day, che in seguito diventa la Giornata Internazionale dei Lavoratori.

Per cui si è pensato a questa data come alternativa per celebrare la giornata del lavoro.

Durante i negoziati viene riconosciuto il diritto ad un’azione coordinata di sciopero per l’approvazione della richiesta. Lo sciopero è fissato per il 1° maggio.

Il 4 maggio 1886 ad Haymarket Square, Chicago, ha luogo una manifestazione pacifica a sostegno dei lavoratori in sciopero per il diritto alla giornata lavorativa abbreviata e come reazione all’uccisione di alcuni lavoratori per mano della polizia avvenuta il giorno prima.

Scena della rivolta di Haymarket Square, Chicago

Purtroppo questa dimostrazione finisce in tragedia: uno sconosciuto lancia una bomba contro la polizia uccidendo un poliziotto. Nel caos molti civili e poliziotti muoiono a causa di fuoco amico.

Questo episodio, nell’immaginario collettivo, è all’origine della figura dell’ “anarchico bombarolo”.

Nel dibattito per stabilire la data in cui celebrare la Festa del Lavoro, il 1° maggio ha assunto, quindi, una connotazione negativa, per la vicinanza al “Massacro di Haymarket”. Non si voleva che il 1° maggio diventasse la commemorazione dell’ “Affare Haymarket”.

Perciò, nel 1894 gli Stati Uniti adottano ufficialmente la data di settembre come festa federale del lavoro.

COLUMBUS DAY (la giornata di Cristoforo Colombo)

Il Columbus Day è una festività celebrata in molti paesi delle Americhe e commemora l’anniversario della scoperta dell’America, quando Cristoforo Colombo, navigatore ed esploratore originario della Repubblica di Genova, sbarcò nel Nuovo Mondo il 12 ottobre 1492.

Negli Stati Uniti il Columbus Day cade nel secondo lunedì del mese di ottobre.

Noto come:

Día de las Culturas in Costa Rica

Discovery Day nelle Bahamas

Día de la Resistenza Indígena in Venezuela, Nicaragua

Día de las Americas in Belize e Uruguay

Día de la Interculturalidad in Ecuador

Día de la Liberación, de la Identidad y de la Interculturalidad in Bolivia

Día del Encuentro de Dos Mundos in Cile

Día del Respeto a la Diversidad Cultural in Argentina

Día de la Raza in Honduras e in Messico (dove diventa Día de la Raza Iberoamericana)

Día de los Pueblos Originarios y del Diálogo Intercultural in Perù

Día de la Identidad y Diversidad Cultural o Día del Encuentro entre dos Culturas nella Repubblica Domenicana

Día de la Hispanidad a El Salvador e in Spagna (dove coincide con la festività religiosa de la Virgen del Pilar)

Giornata Nazionale di Cristoforo Colombo in Italia

Si noti che la denominazione Día de la Raza non viene accettata da tutti i paesi sudamericani perché con “Raza” si intende la sola razza spagnola escludendo gli indigeni, gli afro-caraibici e i meticci. Infatti, questa festa era volta a celebrare l’influenza ispanica nell’America Latina.

Come si evince dai diversi nomi attribuiti a questa festività dai paesi latini, questa giornata viene celebrata dagli attivisti indigeni di tutto il Sud America come contraltare al Columbus Day del Nord America, ovvero come una celebrazione delle razze e culture native e la loro resistenza all’arrivo degli europei nelle Americhe.

VETERANS DAY (la giornata dei veterani)

Fort George Wright Veterans Cemetery

Questa festività si celebra ogni anno l’11 novembre, è una data fissa. Onora i veterani militari che hanno servito gli Stati Uniti nelle forze armate durante la prima guerra mondiale.

Formalmente la prima guerra mondiale terminò l’11esimo giorno dell’11esimo mese alle ore 11 dell’anno 1918, quando l’armistizio con la Germania divenne effettivo.

Inizialmente gli americani festeggiavano la Giornata dell’Armistizio, che nel 1954 venne rinominata Giornata dei Veterani.

THANKSGIVING DAY (il giorno del ringraziamento)

Il giorno del Ringraziamento si celebra il quarto giovedì di novembre. Inizialmente era un giorno in cui si rendeva grazie per la benedizione della messe ricevuta durante l’anno trascorso.

Ricordiamo la storia di questa festività perché ha dei risvolti controversi, proprio come il Columbus Day.

Il 6 settembre 1620, i Padri Pellegrini (102 pionieri tra uomini, donne e bambini), salparono da Plymouth, Inghilterra, a bordo della Mayflower. Erano perseguitati in patria per aver aderito ad un Cristianesimo rigorosamente calvinista.

“Mayflower e porzh-mor Aberplymm” gant William Halsall, 1882

Due parole sul calvinismo:

Il calvinismo, a differenza del cattolicesimo, sostiene la presenza esclusivamente spirituale di Cristo nell’Eucarestia e il principio regolatore del culto.

Il principio regolatore del culto sostiene che il culto che l’uomo rivolge a Dio deve seguire solo ed esclusivamente ciò che Dio stesso prescrive nelle Sacre Scritture:

  • Quello che non comandano le Sacre Scritture è proibito.
  • Quello che non è proibito dalle Sacre Scritture è concesso.

Quando i Padri Pellegrini toccarono le sponde del Massachusetts l’inverno era alle porte. Molti di loro non riuscirono a sopravvivere al lungo viaggio.

Avevano portato con sé i semi per dar vita a nuove coltivazioni, ma trovarono un territorio inospitale e selvatico, abitato dai nativi americani. A causa del clima rigido il raccolto non era sufficiente per sfamare tutta la comunità e molti di loro non superarono l’inverno.

Per loro fortuna i nativi americani giunsero in loro soccorso indicando ai Padri Pellegrini quali animali allevare (tacchini) e quali prodotti coltivare (granturco). In questo modo la nuova colonia fu in grado di sopravvivere e prosperare. Tutto grazie ai nativi americani.

Per rendere grazie a Dio per l’abbondanza del primo raccolto, i coloni fecero una festa a cui invitarono anche i nativi americani che li avevano aiutati.

Nel giugno del 1676 un proclama ufficiale del Massachusetts indisse un giorno di festa per ringraziare Dio della prosperità di cui godeva la comunità e celebrare la vittoria contro gli indigeni paganiProprio quegli stessi indigeni pagani che avevano reso possibile tutto questo.

La tradizione culinaria del giorno del ringraziamento porta in tavola proprio quei cibi che i Padri Pellegrini coltivarono ed allevarono: il tacchino accompagnato dalla salsa di cranberries (mirtilli rossi) e salsa gravy, le pannocchie, il purea di patate e la torta alla zucca.

MEMORIAL DAY (il giorno della memoria)

Il Memorial Day Decoration Day (il giorno della decorazione) commemora tutte le persone che sono morte servendo l’America nelle forze armate. Si festeggia l’ultimo lunedì di maggio e segna l’inizio non ufficiale delle vacanze estive.

Dovete sapere che negli Stati Uniti le scuole finiscono alla fine di maggio e iniziano alla fine di agosto (almeno qua al sud). Il periodo scolastico slitta di circa una mesata indietro rispetto all’Italia.

Molte persone si recano nei cimiteri per omaggiare i loro cari caduti in guerra e dei volontari decorano con fiori e bandiera americana le tombe dei militari.

La pratica di decorare le tombe con fiori e bandiera è un antico costume che risale al periodo della Guerra di Secessione (combattuta tra il 1861 e il 1865), nota anche come Guerra Civile Americana per l’abolizione della schiavitù.

William Tecumseh Sherman, Generale delle Forze armate Americane durante la Guerra Civile

INDEPENDENCE DAY O 4 LUGLIO (il giorno dell’indipendenza o 4 luglio)

L’Independence Day celebra l’adozione della Dichiarazione di Indipendenza avvenuta il 4 luglio 1776. Con questo atto le 13 colonie americane si separarono dal governo della Gran Bretagna.

Dichiarazione di Indipendenza Americana

Dichiarazione di Indipendenza

Un po’ di storia

In realtà il distaccamento delle colonie avvenne il 2 luglio 1776. In quel giorno il Congresso votò per l’indipendenza. Dopodiché si redasse la Dichiarazione di Indipendenza ad opera principalmente di Thomas Jefferson. Il 4 luglio il documento fu approvato.

I festeggiamenti del 4 luglio prevedono parate durante la mattinata, picnic e barbecue, partite di baseball, discorsi politici e fuochi di artificio alla sera.

CONCLUSIONI

Grazie a questo post mi sono documentata sulle feste e tradizioni americane per potervele raccontare ^_^

Sono contenta di averlo fatto, perché credo sia importante conoscere le tradizioni di altri paesi, soprattutto se è il paese in cui ti sei trasferito con la tua famiglia. Ogni paese ha la propria cultura dettata dalla storia che ha vissuto e ne ha segnato il percorso fino ad oggi.

Conoscere altre culture apre la mente e permettere di comprendere un popolo diverso dal proprio; è un processo di arricchimento personale e di crescita.

La diversità è una ricchezza, che va abbracciata e accolta come tale, sempre.

A presto,

Arianna

USA VS ITALY: PRIME IMPRESSIONI

Per chi non conoscesse la mia storia, qui un breve riassunto delle puntate precedenti: sono una mamma italiana trasferita in America con la famiglia per il lavoro di mio marito, Cristian.

Inizialmente avevo capito che ci saremmo trasferiti a Charlotte NC (North Carolina). In realtà la destinazione finale era Hickory, ridente cittadina di provincia sperduta in mezzo al nulla in quel della Carolina del Nord ad un’ora da Charlotte.

Andare a vivere in America era stato il mio sogno sin da adolescente, ma avevo immaginato Los Angeles o New York. Invece, avrei lasciato Roma, “la città eterna”, per trasferirmi in un paesino di provincia!

Piansi. Molto. Poi, riflettendo, è venuto fuori che una città a misura d’uomo sarebbe stata un luogo più adatto per crescere Leonardo.

Infatti, Hickory è nota soprattutto perché è una città ideale per le famiglie… almeno così sosteneva internet! Mi dovevo fidare.

Cristian andò in avanscoperta prima di noi e rimase poco più di un mese in America. Durante le nostre videochiamate mi raccontava com’era la città e la vita.

La prima cosa che mi disse fu: “Dobbiamo comprare una macchina per te appena arrivate!”.

Andando in un paesino speravo, almeno, di risparmiarmi la macchina. Pensavo fosse tutto a portata di mano. Invece no! Sebbene piccola, Hickory è molto estesa. Qua è tutto più grande, del resto non hanno problemi di spazio.

Non ci sono neanche i marciapiedi, o, per lo meno, sono pochi. Se vai in giro a piedi e passa una volante della polizia, si ferma per chiederti se va tutto bene.

Le distanze sono molto lunghe e tra una zona e l’altra della città ci sono ettari di boschi. A proposito: alberi così alti non ne ho mai visti in Italia, sembrano grattacieli con le foglie!

La prima volta che ho visto le strade di Hickory ho pensato che non avrei mai preso la macchina, perché avevo paura. Pur avendo guidato a Roma!

Ecco un breve video di uno degli incroci più grandi della città, dietro casa nostra.

Le corsie sono spesso più più due per lato e gli incroci sembrano piazze infinite. Ci sono anche ulteriori corsie centrali per chi deve girare a destra o sinistra. Attenzione, perché sono condivise per entrambi i sensi.

I semafori sono appesi a dei fili sopra gli incroci e dondolano come panni stesi da un capo all’altro dei palazzi. A proposito di panni stesi… Viva l’asciugatrice! Da quando sono qui in America ho detto addio al mal di schiena ogni volta che stendevo :D!

Nuove abitudini alimentari e non

Alloggiamo in un condominio con piscine, palestra, campi da tennis e da beach volley, che messa così sembra chissà che. In realtà la struttura è un po’ vecchiotta e fatiscente, nonostante la dicitura “luxury apartments”.

C’è la moquette in tutto l’appartamento tranne in bagno e in cucina… vorrei vedé! È pure in sala da pranzo… Qua si usa così, non dappertutto per fortuna, ma la moquette è meno costosa del parquet… “luxury apartments”.

Il trita rifiuti. Visto in tutti i film e telefilm della mia infanzia e oltre… Ce l’abbiamo pure noi qua ^_^.

Vi do una dritta. Non gettate mai le bucce di patate nel trita rifiuti, altrimenti quando lo azionate esce un purea infinito dal buco dello scarico e sistemare il danno richiede davvero l’intervento di un ingegnere :D!

Il bidet… Questo sconosciuto! Il grande assente del bagno. Pare che al suo posto si usi fare la doccia, che va bene… Se la si fa davvero! Se capita di aver bisogno di fare il bidet dopo aver fatto la doccia? Si rifà la doccia? Mh! Donne: in quei giorni quante docce si dovrebbero fare? Mh! 

Il condominio in cui abitiamo

L’aria condizionata in questo paese è sempre a palla. Pinguini e orsi polari ovunque in estate e in inverno! Amen… Tocca vestirsi a cipolla.

Se volete andare a prendere un capuccino e cornetto al bar… Scordatevelo! Qui c’è Starbucks e altre catene come questa. È tutto un franchising di esercizi commerciali.

Una sera, rientrando da fuori città, pensavo che fossimo arrivati a Hickory, perché avevo riconosciuto una sfilza di negozi incastonati in parallelepipedi di cemento, proprio come quelli che abbiamo sotto casa!

Era la cittadina prima della nostra! Eppure, erano gli stessi negozi per di più nella stessa identica sequenza… Oddio! Mi è sembrato di stare nel “Truman Show”.

Il piccolo negoziante non esiste. Solo catene, catene e ancora catene in uguale sequenza e replica. Fa impressione!

Non esiste il giornalaio. L’edicola sta dentro al supermercato. Col tempo ho imparato conoscerli, i supermercati.

Walmart. Aperto h24. Frequentato da quelli che chiamano “Walmarziani”, soprattutto nelle ore notturne! Gente che esce in pigiama piuttosto che in accappatoio e pantofole, bigodini in testa e via dicendo.

I primi tempi andavo in giro con la bocca aperta per la sorpresa. Credetemi, soprattutto per noi italiani, che teniamo all’abbigliamento e all’aspetto in generale, è un vero shock!

Atro shock: vedere le persone in giro con la pistola nella fondina alla cintura! Una volta sono rimasta in un parcheggio aspettando che un tizio con pistola in bella vista (per legge deve essere visibile) fosse fuori portata.

Il cibo è un disastro! Trovi ovunque salsa Alfredo, Italian dressing, maccheroni and cheese, che non appartengono alla nostra cultura, nonostante i nomi affibbiati loro.

Lo zucchero è dappertutto, come il burro, pure nel pane… usano molto lo sciroppo di mais. Ci ho messo un po’ a selezionare i cibi “sani” da portare in tavola. Il sistema che regola le etichette è diverso dal nostro, molto meno dettagliato.

Grazie al cielo c’è Aldi, supermercato tedesco, che però non abbiamo a Roma. C’è anche Lidl a una mezz’oretta da noi, dove trovo i “Pan di stelle” e le “Macine”, non del Mulino Bianco, ovviamente. Ho trovato anche i savoiardi della Vincenzovo! Hai voglia a fare tiramisù… c’è pure il mascarpone Galbani :). Purtroppo il cacao della perugina me lo sogno. Qui c’è la Hershey’s.

In Italia abbiamo una varietà spropositata di biscotti, di ogni foggia e con mille farine differenti. Qui no! Oreo e altri biscottini farciti, cookies pieni di burro e stop.

Del resto la loro colazione non è a base di latte e biscotti, tanto meno di fette biscottate, che però trovo al Publix, altro supermercato.

Cereali: mille mila! Ci mettono di tutto e di più dentro, ma se vuoi dei cereali integrali senza sciroppo di mais, devi cercarli col lanternino.

Caffè. Ci siamo portati la moka dall’Italia. Due in realtà: una da 3 e una da 6… Non si sa mai! Per gli affezionatissimi del caffè italiano niente paura. Illy Caffè c’è. Ho trovato anche un’altra marca che a me piace, Bustelo, sud americano imbustato a Miami… Un signor caffè.

Parentesi. Non è concepibile un paragone tra il caffè americano e l’espresso! Sono due bevande diverse, punto! Bisogna prenderli per quello che sono. Se bevi l’americano lungo non devi pensare all’espresso e vice versa.

La pasta. C’è la Barilla, che è il brand più famoso in tutto il mondo, ma non è certo all’altezza della De Cecco, che pure si trova in alcuni supermercati. Per di più viene prodotta in America, non è importata. Mh!

I tempi di cottura indicati dalle confezioni sono per pasta scotta, come la mangiano qui.

Ristoranti. Per quanto riguarda la carne gli americani sono imbattibili, bisogna dirlo. Con il barbecue se la cavano egregiamente.

Però al ristorante, nell’attesa, ti portano panini dolci caldi con terrine di burro fuso montato a neve… E buon appetito!

Oppure piattini con olio, non extravergine e forse neanche di oliva, con gocce di aceto “balsamico” in cui intingere il pane tutti insieme allegramente… Questo succede in un ristorante italiano gestito da napoletani veri.

Mi hanno spiegato perché. Il palato dell’americano non è lo stesso dell’italiano, quindi anche i ristoranti italiani devono adattarsi agli usi e costumi del paese.

È così anche altrove. Quando andammo in viaggio di nozze in Cina, ad esempio, non trovammo la cucina cinese a cui eravamo abituati in Italia.

Pizza. NCS: Non Ci Siamo! Molle e gommosa. Figuratevi che fanno le margherite con pollo e ananas e non conoscono la pizza con le patate. Anzi, storcono la bocca quando gliene parli :D.

Me viè da ride e pure un po’ da piagne!

A Charlotte, però, abbiamo trovato una pizzeria di un italiano, che  niente meno viene dal quartiere adiacente al nostro a Roma. Com’è piccolo il mondo! La pizza la fa bene.

I ristoranti italiani delle metropoli si avvicinano molto di più alla nostra cucina rispetto a quelli della provincia.

Nel quartiere di Georgetown a Washington, DC, abbiamo mangiato in una pizzeria gestita da italiani… Sembrava di stare a casa. Abbiamo trovato pure la mortadella e la burrata. A quel punto Cristian si è commosso :D! A New York idem. In provincia non è la stessa cosa.

Qui ho trovato delle verdure mai viste in vita mia come le carote rosse (non rape) e gialle e altre verdure a foglia verde con nomi che neanche saprei tradurre. Mangiano le verdure, che noi cuociamo, leggermente sbollentate, praticamente crude: fagiolini, asparagi, broccoli.

Addirittura alle feste dei compagni di scuola di Leo c’erano sempre broccoli e cavolfiori crudi a pezzi da intingere nella salsa tzatziki. “Roba da matti” viene da dire. Provate a portare broccoli e cavolfiori crudi su una tavola italiana? Brividi, vero?

La pizza di Cristian

Ci ho impiegato un po’ ad abituarmi ad alcune cose e a farmene una ragione per altre. Per quanto riguarda la pizza non ci siamo arresi… Cristian ha imparato a fare una pizza da leccarsi i baffi! Ce ne siamo anche inventata una alla pseudo-Amatriciana con bacon e pecorino: di una pesantezza infinita, ma buona! Questa, invece, è l’ultima che ha sfornato: mozzarella, zucchine, peperoni e melanzane!

Queste erano le chicche sulle mie prime impressioni da expat. Ne ho altre da raccontarvi. Piano piano! Per ora vi saluto e vi invito a lasciare commenti anche della vostra esperienza di vita o di viaggio negli Stati Uniti. Come vi siete trovati col cibo? Che impressioni avete avuto? Raccontatemi che sono molto curiosa ^_^

A presto,

Arianna

FROM ITALY TO US

Versione italiana

One evening, back from work, my husband says to me: “Love, I’ve received a very tempting job offer!”.

He had a strange light in his eyes. Immediately, I understood that it was something big… The job was in the US!

Basically the dream of the first part of my life: living in America!

Like many of my generation, born in ’76, America was seen as a myth, at the forefront in almost all fields. America was at least 20 years ahead of us.

Well, my eyes swelled with tears and I shuddered, I even had a turn.

Cristian, my husband, who knew about my dream as a teenager, has always warned me about what I wish: “If it comes true, are you ready to deal with it?”

Was I ready? We were ready to face all this? Furthermore, we were not alone, there was also Leonardo, our baby, who at the time was just 3 years old.

After a first moment of disbanding, we set at a table and we wrote a list of pros and cons.

Among the pros:

  • a more comfortable life from an economic point of view
  • the chance to learn one of the most widely spoken languages in the world
  • growing Leo as a bilingual
  • improving the already well-nourished work experience of Cristian
  • growing as a couple and as a family relying only on our strength
  • I did not have a job anymore, after the fraudulent bankruptcy of the company I worked for as graphic designer… So, no job to keep

Among the counter stands a word on all, written in capital letters: THE FAMILY!

We both broke our parents’ heart by making this decision. Above all our mothers’! But now the family was just the three of us. Dads have been much more understanding, perhaps because Italian mothers are more attached to their children. However, with a tearful heart, they gave us all their sincerest blessing. “Live your life!”, They told us. And so began our American adventure.

Friends were happy for us, but also sad for being apart. I remember that, on more than one occasion, we gathered in front of a pizza and a beer contemplating the possibility of emigrating all together. The choice of the country was a disaster ^ _ ^. In fact, we never agreed!

At the end only the three of us have departed. However, it would have been wonderful to do it all together! At least we would have had our little community with us.

From Rome to Charlotte (NC)

And here we are. Two exact years have passed really today. It was June 21st when we took the plane to live our new life 🙂

Expectations? So many! Difficulties, many too! Human beings are creatures able to adapt, but children are amazing for their ability to overcome adults in embracing change.

We were so worried about Leonardo. Changing home, school, friends, language. How could he face all of this? Of course it was not easy at all, but he did it great… Today he speaks and understands English better than us: D

The most complicated thing to deal with when you move to another country is figuring out how things work there. You give too many things for granted when moving from an occidental country to another occidental country! Soon, you realize that what works in Italy in one way does not work in the same way in America. From the simplest things, like shopping or going out for dinner, driving up to the purchase of a car or a house. There are so many differences that we never thought of!

Many times I said to myself: “This is just another planet!”. Well it is. Everything is different, but above all America is far away. It is far from Italy, very far, too far… We are on the other side of the globe! Everything is bigger here, even bugs… Ew!

Before leaving, I asked myself several times what I would have done in America. How would I have spent my time? I had contemplated the idea of opening a blog to talk about this experience, but I never actually did it. So far!

Four months ago, hiamari.com started with the intention of talking about fashion and design. Then I found myself writing more about fashion than design. Who would have said it? Later, the idea of writing about fashion for mothers, just like me, has matured! In short, the exegesis of a blog is not always linear, especially for a person like me who thinks one thing and makes one hundred: D!

Cristian told me that he’d like to write about how things work here, to be useful to other expats who have the opportunity to move to America. Even if he comes home for lunch every day, which was absolutely not even conceivable back in Rome, he still works a lot and so he has little time left to relax and do whatever he has in mind.

As always, however, he has good intuitions and, as always, by way of crossroads, I also get there… Sooner or later! So, here I am writing about this experience, but also about other things. At this point I cannot say what direction the blog will take, I only know that I want to write and if you want to accompany me on this journey, I am more than happy to welcome you on board ^_^

Arianna

UNA MAMMA ITALIANA IN AMERICA

English version

Una sera, rientrando dal lavoro, mio marito mi fa: “Amore, mi hanno fatto una proposta di lavoro molto allettante!”.

Aveva una strana luce negli occhi. Ho capito subito che era qualcosa di grosso… Il lavoro era in America!

Praticamente il sogno di tutta la prima parte della mia vita: andare a vivere in America!

Come molti ragazzi della mia generazione, classe ’76, l’America era vista come un mito, all’avanguardia pressoché in tutti i campi. Tutto quello di nuovo che arrivava in Italia era partito dall’America almeno un ventennio prima.

Beh, mi si sono gonfiati gli occhi di lacrime e mi sono venuti i brividi, mi è pure un po’ girata la testa.

Cristian, mio marito, sapendo del mio sogno, mi ha sempre messo in guardia su quello che desidero: “Se poi si avvera, sei pronta a fare i conti col tuo sogno?”

Ero pronta? Eravamo pronti ad affrontare tutto questo? Anche perché non eravamo soli, c’era anche Leonardo, il nostro bimbo, che all’epoca aveva 3 anni appena compiuti.

Dopo un primo momento di sbandamento, ci siamo messi a tavolino e abbiamo stilato una lista dei pro e dei contro.

Tra i pro figuravano:

  • una vita più agiata dal punto di vista economico
  • la possibilità di imparare bene una delle lingue più parlate nel mondo
  • far crescere Leo bilingue
  • migliorare l’esperienza lavorativa, già ben nutrita, di Cristian
  • crescere come coppia e come famiglia contando solo sulle nostre forze
  • nessun posto di lavoro per me da salvaguardare, dopo la bancarotta fraudolenta dell’azienda per cui lavoravo come grafica pubblicitaria 

Tra i contro campeggiava una parola su tutte, scritta a caratteri cubitali: LA FAMIGLIA!

Valeva pena fare un tentativo, “Adesso o mai più”, ci siamo detti. Era fatta. La decisione era presa, non restava che dirlo ai nostri. Abbiamo spezzato loro il cuore con questa notizia. Soprattutto alle mamme! Ma la famiglia eravamo noi tre.

I papà sono stati molto più comprensivi, forse perché le mamme italiane sono molto attaccate ai figli. Comunque, col cuore in lacrime, ci hanno dato tutti la loro più sincera benedizione. “Vivete la vostra vita!”, ci hanno detto. E così è cominciata la nostra avventura americana.

Gli amici sono stati contenti per noi, ma anche tristi per la separazione. Ricordo che, in tempi non sospetti, ci siamo riuniti davanti a una pizza e una birra a contemplare la possibilità di emigrare tutti insieme. Che disastro per la scelta del paese ^_^. Infatti, non ci siamo mai messi d’accordo!

Da Roma a Charlotte (NC)

Alla fine siamo partiti solo noi tre. Però, sarebbe stato meraviglioso farlo tutti assieme! Almeno avremmo portato un pezzo di casa nostra con noi.

Ed eccoci qua. Sono passati due anni tondi tondi proprio oggi. Era il 21 giugno quando abbiamo preso l’aereo tutti e tre insieme e spiccato il volo verso la nostra nuova vita 🙂

Aspettative? Tante! Difficoltà, pure tante! L’uomo è una creatura che si adatta, i bambini, però, sono sorprendenti per la loro capacità di superare gli adulti nell’abbracciare il cambiamento.

Eravamo tanto preoccupati per Leonardo. Cambiare casa, scuola, amici, lingua. Come avrebbe fatto ad adattarsi a tutte queste novità? Certo non è stato affatto facile, ma ce l’ha fatta alla grande… Oggi parla e capisce la lingua meglio di noi 😀

La cosa più complicata da affrontare quando ti trasferisci in un altro paese è capire come funzionano le cose là. Venendo da un paese occidentale e andando in un altro paese occidentale puoi dare troppe cose per scontate! Presto, però, ti rendi conto che quello che funziona in Italia in un modo, non funziona affatto alla stessa maniera in America. Dalle cose più semplici come fare la spesa, andare a cena fuori o guidare fino all’acquisto di una macchina o di una casa.

Quante volte mi sono detta: “Questo è proprio un altro pianeta!”. Ebbene lo è. Tutto è diverso, ma soprattutto l’America è lontana. È lontana dall’Italia… Siamo sull’altra faccia del globo! Qui è tutto più grande, persino gli insetti… Bleah!

Prima di partire mi sono chiesta più volte cosa avrei fatto in America. Come avrei impiegato il mio tempo? Avevo contemplato l’idea di aprire un blog in cui parlare di questa esperienza, ma non l’ho mai effettivamente fatto. Fino ad ora.

Quattro mesi fa è partito hiamari.com con l’intento di parlare di moda e design. Poi mi sono ritrovata a scrivere più di moda che di design. Chi l’avrebbe detto? In seguito è maturata l’idea di scrivere di moda per mamme, proprio come me! Insomma, l’esegesi di un blog non è sempre lineare, soprattutto per una persona come me che una ne pensa e cento ne fa :D!

Cristian mi aveva detto che gli sarebbe piaciuto scrivere di come funzionano qui le cose, per essere utili ad altri expat che hanno l’opportunità di trasferirsi in America e raccontare dei nostri viaggi alla scoperta di questo paese. Anche se torna a pranzo a casa tutti giorni, cosa che assolutamente non era nemmeno concepibile a Roma, lavora comunque tanto e quindi gli resta poco tempo per rilassarsi e fare tutto quello che ha in mente.

Come sempre, però, ha buone intuizioni e come sempre, per vie traverse, ci arrivo anche io… Prima o poi! Quindi, eccomi qua a scrivere di questa esperienza, ma anche di altro. A questo punto non so dire che direzione prenderà il blog, so solo che voglio dedicarmici e se vorrete accompagnarmi in questo viaggio, sono più che lieta di darvi il benvenuto a bordo ^_^

Arianna