HOMEMADE PLAY DOUGH RECIPE: NATURAL, EASY, FUN!

Italian version

Homemade play doughHow much do our munchkins love play dough? They’re just so into it! They use plenty of it. What if I told you that you can make homemade play dough in your kitchen with natural and non-toxic ingredients… Would you try the recipe?

That’s what I’m here for dearest moms. Today I wanna offer you the recipe of this homemade play dough. It’s natural, economic and it lasts even to a month. Here you will find other recipes of DIY modeling pastes that I collected for you, and an in-depth analysis on the importance of molding for our children.

Moreover, you’ll notice that this dough in particular has a wonderful consistency: soft to the touch and very moldable. Not to mention the fact that this homemade play dough is non-toxic, non-sticky and not dirty.

homemade play doughhomemade play dough

Moreover, since the ingredients are all natural, there is no danger if your little ones prepare a pizza and, driven by curiosity, taste a piece of it. In fact, this homemade play dough is completely edible, but certainly not to eat because of the great amount of salt.

In all cases, it is better to take a bite of this homemade play dough than to eat a shovel full of sand like my Leonardo did when he was one and a half year old on the beach! ^ – ^ Did your children eat sand in industrial quantities when they were little?

homemade play dough

Anyway, if you are ready grab these ingredients and fasten your apron!

Ingredients:

  • 1 glass of flour

  • 1/2 glass of salt up

  • 1 teaspoon of cream of tartar

  • a teaspoon of seed oil

  • 1 glass of warm water

  • food coloring

You can also add a few drops of essential oil or natural flavors (such as vanillas) to perfume your dough.

As an alternative to cream of tartar you can use baking powder, baking soda, potato starch or 1 teaspoon and a half of lemon juice.

If you want you can also double the doses and prepare your homemade play dough. Then, add to each stick the color you want and your homemade play dough set is ready for your children to play with!

Instructions:

Pour all the ingredients in a bowl and mix until all is amalgamated. As soon as the mixture is compact and detached from the walls, work it with your hands to remove all the lumps. Et voila, the homemade play dough is ready for the little ones!

Warning: pay attention to the amount of water you pour, if you put too much the homemade play dough could be sticky.

Storage: once used you can store the homemade play dough in an airtight container and you will not even need to put it in the refrigerator, because it will be preserved very well.

Here you can find all the tools with whom the children can work the homemade play dough as molds, extruders, rolling pins and much more!

homemade playdough
Dough capital letters cutters
Homemade play dough
Clay dough tools kit

I’ll leave you to this short video that explains step by step how to make the homemade play dough.

If you had fun preparing this homemade play dough I strongly recommend you to take a look at the posts on how to make the marshmallow modeling dough, also useful for cakes decoration, and the non-toxic and natural slime ^ – ^!

See you next time,

Arianna

SLIME RECIPE NON TOXIC DIY: SAFE FOR KIDS

Italian version

Hello to you all dearest moms, today’s topic is DIY SLIME recipe non toxic! How would it be? Is slime toxic? It depends. In fact, not all the recipes you find on the web are suitable for manipulation by children, because they may contain harmful and highly allergenic ingredients.

You all know what slime is, don’t you? It is that gelatinous smudge with which our kids love to play and that we adults tend to be a bit disgusted of. Anyway, before starting discovery of the DIY slime recipe non toxic, allow me to go back in time to a memory of my childhood.

It looks like, as adults, we dislike slime. Well, this sound so weird, because I recall to love it when I was a child. The typical slime was called skifiltor back then. I liked to play with all the stickier things on the market.

Like those sticky rubber gadgets inside the potato chips as a present, remember? Not a present at all for my parents, though. How many of them they did scrape from the ceiling, poor ones! Did it happen to you too? I bet yes ^ – ^!

Still, as an adult the slime has another effect on us! However, as a child, why wouldn’t I love skifiltor?

A CURIOUS THING

Well, apparently, that crazy trend, so popular when we were little girls is back in vogue! History repeats itself, LOL. Obviously Leonardo, my munchkin, is a huge fan of it. Figures… The more disgusting, the more ideal for him! It will be that the consistency of this dough is muddy, slimy, gelatinous and it seems just drool, but it does not stick… It is irresistible to our kids, indeed!

Since we’re on the subject, I’ll tell you this. We often go to “Tutti Frutti”, a chain of ice cream parlors here in the United States, where you can garnish the cup of ice cream with candies, sweets, syrups, fruit and so forth! Guess what kind of delicacy does Leo always choose? Gummy worms, Oh-My-God! I get shivery, just to name it, figures thinking about chewing it, EW!

DIY slime recipe non toxic

WHY NOT ALL THE DIY SLIME RECIPES ARE SAFE?

ANSES RESEARCH

Anyway, let’s get back to us and to our DIY slime recipe non toxic. On the internet I found many so recipes to make the slime at home. There are all kinds and shapes and with many ingredients. Unfortunately, however, the most popular DIY slime recipes contain chemicals that are not suitable for children, such as glue, borax (a powder contained in detergents), shaving foam and contact lens fluid.

We are talking about toxic and even carcinogenic elements that should not be absolutely manipulated by children. As a matter of fact the damage these chemical agents can provoke are allergies, problems with the respiratory tract and nervous system and contact dermatitis. I do not say that, of course. The alarm was launched by the National Agency for Health Services Security of France, ANSES, through the newspaper Le Figaro. That’s the reason why I wrote this post about slime recipe non toxic DIY!

Also, pay attention to the slime you find on the market, because they often contain dangerous elements. As mothers, we want safety first of all for our children, because our task, among others, is to protect them and keep them safe, especially from harmful substances.

PLAY WITHOUT RISKS

At the same time we want the little ones to have fun and have the opportunity to play with the most popular object of the moment, like their friends, right? The solution is here and has a double benefit: a non toxic and economic recipe, even edible that will make us look as the most amazing mothers of all: the slime recipe non toxic DIY! Ta-dah ^ – ^

And finally, let’s say it: isn’t more satisfying witnessing the creation of the mythical slime? In fact, to their eyes it’s like a magic. Therefore, magicians-moms, are you ready to exercise your magic powers? So, let’s wear our apron and go to our laboratory: the kitchen.

Since the DIY slime recipe non toxic provides cooking, I recommend not to let the kids be nearby the stove. Dear moms, this is a job for us! During this phase the children are just spectators who watch its preparation. Ready? So, let’s get started.

Ingredients:

  • 30 grams of potato starch

  • 220 ml of water

  • 5 gr of seed oil (equivalent to 1 teaspoon)

  • food coloring

If your intent is to reproduce the authentic slime, I suggest you this lime green gel colouring, or if you need more colors to use even for desserts try the set of 12 gel food colors.

Method:

Pour the water and potato starch into a saucepan, bring it on the stove and mix with a flat whisk over low heat. Continue to stir for a few minutes until the mixture starts to solidify. Let all the water dry and let it cool a little. Then add the oil and a few drops of food coloring and mix again. Magic: your slime is ready. Wait until it cools down before letting your children play!

And here’s the fun video tutorial by Ombretta from “Art for you”, which has prepared a child-friendly and child-proof slime with this recipe. You’ll see, the result will be pretty similar to the skifiltor with which we played in the ’80s, or disgusting just like the noise that makes ^ – ^!

Attention: if the children play for a long time, make them grease their hands with a little oil now and then, because modeling the DIY slime will remove the oil put during preparation. In fact, it is precisely the oil that makes the slime not sticky. Obviously, let them play on a support plane that you can easily clean. Better to have some oil on your hands, which is also a beauty treatment, rather than harmful chemicals. Don’t you think?

Preservation: once your children have finished playing with the slime, you can keep it in an airtight container.

Let the fun begin and let me know how it goes with this slime recipe non toxic. If you want another recipe for a moldable paste, also edible read the post on the marshmallow paste (to be translated in english soon)!

See you soon,

Arianna

 

CHI SONO

English version

Benvenuti sul mio blog!

Io e la manina di Leo

Ciao, mi chiamo Arianna. Sono la mamma di Leonardo. Sí, ho anche un marito 😀 anche se mi sento prima mamma e poi moglie. Non giudicatemi male per questo! 😛

Da quando è arrivata la mia piccola peste la mia vita è radicalmente cambiata.

Ricordo che, appena me lo hanno poggiato sul petto in sala parto, l’ho guardato e devo aver fatto una faccia strana, perché mio marito, Cristian, mi ha chiesto tutto preoccupato: “Che c’è? Non ti piace?”.

In effetti, tra la spossatezza, la preoccupazione e lo stress del parto, il risultato non mi aggradava poi tanto. Il neonato aveva la faccia schiacciata, sembrava uscito in 2D, aveva gli occhi gonfi, tutti i puntini bianchi sul viso rosso rosso e una montagna di capelli neri a spazzola ^_^

Leonardo e Cristian

Il mio primo pensiero fu “Oddio! Adesso Cristian penserà che il figlio sia di qualcun altro”, dato che non somigliava né a lui né tanto meno a me. Però, essendo venuto fuori dalla mia pancia, una cosa era sicura… Era mio! Era anche di mio marito, ovviamente. Potete notare che con gli anni si è trasformato nel suo Mini Me 😀

Dopo questi deliranti pensieri, dovuti a 12 ore e forse più di travaglio, sono tornata in me e ho guardato negli occhi quel piccolo esserino tutto bagnato come un pulcino!

Lui ha ricambiato il mio sguardo e in quell’attimo l’ho riconosciuto come mio! Ancora mi commuovo a pensarci, anche adesso mentre mi trovo a scrivere di questo episodio.

Dopo un paio di giorni di poppate e “annusamenti” reciproci tra mamma e pargolo, ricordo di aver detto a Cristian: “Come abbiamo fatto finora senza di lui?”.

Erano appena due giorni che Leonardo era entrato nella mia vita e mi sembrava di essere nata nuovamente anche io. Era così: ero nata come mamma!

Essere una mamma è una grandiosa avventura. All’inizio è fatta di nottate insonni, preoccupazioni elevate all’ennesima potenza per una colpo di tosse, panico totale, stress oltre misura e mille sensi di colpa. Poi, però, mi hanno detto che… Non migliora affatto! Scherzo ^_^

“E adesso che faccio?”
“Faccio la mamma!”
“Come si fa? Che devo fare? Quando, come e perché?”
“Lo farò, come hanno fatto tutte le mamme del mondo”
“Dov’è il libretto delle istruzioni?”
“Perché questi frugoletti arrivano senza un manuale d’uso?”

La verità è che nessuno può insegnarti ad essere mamma.

Infatti, siamo tutte mamme diverse, abbiamo tutte il nostro unico modo di essere mamma.

E per chi si stesse ancora chiedendo del manuale delle istruzioni… Sono loro il manuale delle istruzioni! I nostri bimbi.

Loro ci dicono come essere la loro mamma. Bisogna saperli ascoltare, capire e aiutare a diventare adulti autonomi, pronti per affrontare il mondo! Perché i figli non sono nostri, ma sono il nostro dono per questo mondo. Io la penso così! 🙂

ESSERE MAMMA, LA MIA STORIA

Essere mamma in Italia non è facile. Purtroppo il nostro paese non eccelle in politiche familiari come i più avanzati paesi scandinavi. Non mi dilungherò in polemiche inutili, le mamme italiane sanno a cosa mi riferisco.

Non è facile, dicevo. Prima di essere mamma sei donna e anche questo non aiuta. Per lo più anche nel resto del mondo non aiuta.

Parlo di stipendi più bassi, a parità di livello rispetto ad un uomo, ma anche di discriminazione rispetto al sesso e all’età. E qui veniamo alla mia storia personale.

Io lavoravo come grafica pubblicitaria per un’azienda, quotata in borsa, che contava circa 400 dipendenti in tre città tra nord, centro e sud Italia.

Dopo la nascita di Leonardo, l’azienda mi ha messo in cassa integrazione.

Non solo me, naturalmente, ma a me l’hanno comunicato il giorno che ho chiamato l’ufficio del personale per parlare del mio rientro in azienda:

“Nessun rientro, sei ufficialmente in cassa integrazione”.

Da qui, per farla breve, l’azienda è finita in banca rotta fraudolenta nel giro di un paio di anni, passando per una fase di mobilità.

Detto questo, per una donna e mamma non è una passeggiata rientrare nel mondo del lavoro. Infatti, sono stata tagliata fuori dal mercato, così come la maggior parte delle mie ex colleghe.

Molte di loro hanno tirato fuori le unghie e si sono rimesse in gioco mettendosi in proprio.

Io vengo da un background di studi letterari, ho studiato da copy writer e sono giornalista pubblicista, solo che non pago più l’albo da circa tre anni, quindi tecnicamente non sono più iscritta nelle loro liste!

Mi sono detta: “Perché pagare se, da quando ho ottenuto il tesserino da pubblicista, nessuno mi fa più lavorare?”

Dovete sapere che una volta ottenuto il tesserino da giornalista pubblicista, che equivale a lavorare circa due anni senza essere pagati, ma versando i contributi per i soldi non percepiti, le testate giornalistiche devono pagarti per legge.

Quindi ricorrono ad aspiranti giornalisti che lavorano gratis per altri due anni. È chiaro il circolo vizioso?

Spero che oggi la situazione sia migliorata. Chiusa parentesi.

Una mia ex collega tempo dopo la chiusura dell’azienda si è trasferita in Inghilterra ed è diventata cake designer. Parlo di lei in questo post.

“Che coraggio!”, ho pensato. Poi, ho scoperto che molte di loro si sono trasferite all’estero anche con la famiglia e si sono reinventate, chi in un modo, chi in un altro.

“Uau, ho ripensato, che cambiamento radicale!”

E poi è arrivata una proposta di lavoro molto allettante per mio marito. Negli Stati Uniti.

Per noi si apriva una nuova porta e non ci siamo fatti scappare questa ghiotta occasione.

Ed eccoci qua in quel della Carolina del Nord a vivere la nostra esperienza americana.

SONO NEGLI STATES… E ADESSO?

Le mie ex colleghe sono state di grande ispirazione per me. Allora ho cominciato a pensare… “Cosa posso fare io per reinventarmi?”.

L’America è la terra delle opportunità, quindi dovevo approfittarne!

Soli, senza parenti o amici e con un bimbo piccolo era una gran fortuna che potessi stare a casa a crescerlo senza dovermi più preoccupare di portare a casa lo stipendio.

Però con le mani in mano non so stare… Dovevo trovare qualcosa da fare!

Ho cominciato a produrre bigiotteria artigianale che vendo in una caffetteria molto accogliente del centro cittadino.

Sorprendentemente, ho cominciato a vendere molto e a guadagnare qualche soldino.

Questa cosa mi ha riempito di orgoglio e mi ha ridato fiducia in me stessa, pur essendo una piccola cosa… Posso fare delle cose da me e guadagnare. Che bello!

Non era ancora abbastanza. La mia parte letteraria premeva per venire fuori. Ho moltissimi scritti nel cassetto, che probabilmente nessuno leggerà mai.

Questo soddisfa la voglia di scrivere, ma se nessuno ti legge, la voglia è soddisfatta solo a metà 😛

Come potevo scrivere ed avere lettori?

… Con un blog! Avrei aperto un blog ^_^

Ma di cosa avrei scritto?

Ho cominciato a buttare giù qualche idea, ad informarmi su internet circa cosa scrivere in un blog.

“Scrivi di ciò che ti appassiona” tuonava ogni pagina web sull’argomento. A me piace il design, la moda e sono una mamma italiana che vive in America!

È così che è nato Hiamari!

PERCHÉ HIAMARI

Prima cosa: trovare un nome per il mio blog!

Non sapendo ancora con esattezza di cosa avrei scritto non ho voluto legare il nome del sito ad un argomento specifico.

Perché ciò non mi avrebbe permesso di aggiustare il tiro qualora ne avessi avuto bisogno.

Dopo giorni e giorni di brainstorming con me stessa, finalmente è venuto fuori il nome.

Come ci sono arrivata? Beh, se non potevo essere specifica su un argomento, dovevo tenermi sul generico.

Non volevo usare il mio nome come fossi un grande marchio, mi sembrava una scelta troppo egocentrica.

Di solito quando incontri qualcuno per la prima volta, ti presenti.

Lo stesso ho fatto io con il mio blog. Mi sono presentata: “Ciao, sono Arianna!”, che in inglese diventa “Hi, I’m Ari”e sul web “Hiamari”!

Avevo la testa piena di argomenti da trattare. Dalla nostra esperienza americana a ciò che mi piaceva come il design e la moda.

Ho ancora la testa piena di idee, beninteso. Devo solo raccoglierle per potervele presentare al meglio! ^_^

Man mano che creavo contenuti per il mio blog, ho notato che scrivevo molto più di moda che di design. Andando avanti ho cominciato a scrivere di moda per le mamme, proprio come me.

Quindi, ho pensato che potessi rivolgermi ad un pubblico di mamme e, perché no? Neo-mamme e quasi mamme!

La cosa mi ha esaltata parecchio, soprattutto perché mi stuzzicava l’idea di creare un rapporto con le altre mamme! ^_^

Scrivere in una lingua che non è la mia mi rallenta un po’ nel lavoro, ma è anche un’occasione per migliorare il mio inglese e per raggiungere più mamme possibile in tutto il mondo!

Per non tagliare fuori le mie mamme italiane, ovviamente i contenuti saranno disponibili anche in italiano! Evviva!

Che meraviglia l’Internet, che ci unisce da un capo all’altro del pianeta e ci fa comunicare e scambiare consigli ed esperienze, ci fa sentire più vicine, tutte.

La lingua può essere diversa, il paese diverso, la cultura diversa, ma le mamme, nonostante queste differenze, sono unite in tutto il mondo da esigenze e problemi comuni. Soprattutto dall’amore per i loro bimbi!

COSA VOGLIO FARE?

Quindi, eccomi qua a parlare della vita americana di una famiglia expat italiana, di moda e di tutto quello che riguarda la mia esperienza di mamma e di blogger, che può tornare utile anche a voi… Che emozione!

Una cosa alla volta! Il blog è online solo dal 23 febbraio 2018.

È ancora un baby-blog ^_^ e vorrei farlo crescere e prosperare con il vostro sostegno.

Quindi, se avete idee o argomenti da suggerirmi non esitate a contattarmi a questo indirizzo e-mail: [email protected]

Vi invito, inoltre, a lasciare commenti ai miei post, così posso conoscervi meglio e proporvi esattamente quello che state cercando!

Sono molto entusiasta all’idea di imbarcarmi in questa avventura con voi mamme di tutto il mondo!

Grazie fin da subito per il vostro supporto di lettrici! Mi auguro che i miei post vi siano di aiuto^_^

Arianna

Privacy Policy 2018

Who We Are

At Hiamari.com, we are committed to maintaining the trust and confidence of all visitors to our web site. In particular, we want you to know that Hiamari.com is not in the business of selling, renting or trading email lists with other companies and businesses for marketing purposes.

In this Privacy Policy, we’ve provided detailed information on when and why we collect personal information, how we use it, the limited conditions under which we may disclose it to others, and how we keep it secure.

We take your privacy seriously and take measures to provide all visitors and users of Hiamari.com with a safe and secure environment.

Cookies

Hiamari.com may set and access Hiamari.com cookies on your computer.  Cookies are used to provide our system with the basic information to provide the services you are requesting.  Cookies can be cleared at any time from your internet browser settings.

Google Analytics

When someone visits Hiamari.com we use a third party service, Google Analytics, to collect standard internet log information and details of visitor behaviour patterns. We do this to track things such as the number of visitors to the various parts of the site and interactions with the site. This information is processed in a way which does not identify anyone. We do not make, and do not allow Google to make, any attempt to find out the identities of visitors to our website.

Website Comments

When someone visits Hiamari.com, there may be an ability to submit comments on particular articles or pages.  When comments are submitted, you are entitled to use aliases or information that completely hides your identity. When a comment is submitted, the relevant details (name, email, website) that you provide are stored.  These details are stored so that we can display your comment back to you, and to anyone viewing the comment sections on the site. We do not verify information entered nor do we require verification.

Mailing Lists

As part of the registration process for our e-newsletter, we collect personal information. We use that information for a couple of reasons: to tell you about stuff you’ve asked us to tell you about; to contact you if we need to obtain or provide additional information; to check our records are right and to check every now and then that you’re happy and satisfied. We do not rent or trade email lists with other organisations, businesses or individuals.

We use a third-party provider, “Newsletter” WordPress Plugin to deliver our newsletter. We gather statistics around email opening and clicks using industry standard technologies to help us monitor and improve our e-newsletter. For more information, please see “Newsletter” WordPress Plugin privacy notice. You can unsubscribe to general mailings at any time of the day or night by clicking the unsubscribe link at the bottom of any of our emails.

Third Parties

There may be some circumstances where your IP address, geographic location, and other browser related details may be shared with third party companies.  We may share your above mentioned data with following third party companies from time to time.

Access to Your Personal Information

You are entitled to view, amend, or delete the personal information that we hold. Email your request to our data protection officer Arianna at [email protected] and we will work with you to remove any of your personal data we may have.

Changes to Our Privacy Policy

We may make changes to our Privacy Policy in the future, however, the most current version of the policy will govern our processing of your personal data and will always be available at the following URL:

Privacy Policy

If we make a change to this policy that, in our sole discretion, is material, we will notify you by an update or email, where possible. By continuing to access or use our services, you agree to be bound to the terms of our Privacy Policy.